Ance Palermo
Ance Palermo

COMUNICAZIONE

News

 

Data: 08/07/2015

 

Image Field

L’ ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA HA APPROVATO LA RIFORMA DEGLI APPALTI

L’Assemblea Regionale Siciliana ha finalmente approvato una legge di riforma dei criteri di aggiudicazione per i lavori fino a cinque milioni di Euro. Una modifica dei criteri vigenti, che avevano fatto lievitare i ribassi a livelli intollerabili, era stata da tempo richiesta dalla nostra Associazione ed è stata da noi sostenuta durante l’iter approvazione. La legge introduce un metodo di calcolo della soglia di anomalia molto diverso da quello vigente nel territorio nazionale e dovrebbe realmente avere l’effetto di calmierare i ribassi. Riportiamo nel seguito il testo dell’articolo di legge che introduce questi nuovi criteri. Art. 3. - Modifiche all’articolo 19 della legge regionale n. 12 del 12 luglio 2011 1. Fino al termine di cui all'art. 253, comma 20 bis del decreto legislativo n. 163/2006, il comma 6, dell'articolo 19, della legge regionale 12 luglio 2011, n. 12, è sostituito dal seguente: "6. Per gli appalti di lavori, servizi o forniture che non abbiano carattere transfrontaliero, nel caso in cui il criterio di aggiudicazione sia quello del prezzo più basso, la stazione appaltante può prevedere nel bando che si applichi il criterio dell'esclusione automatica dalla gara delle offerte che presentano una percentuale di ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia individuate al comma 6-bis. 6-bis. La soglia di anomalia è individuata dalla media aritmetica dei ribassi percentuali di tutte le offerte ammesse, con esclusione del dieci per cento, arrotondato all'unità superiore, rispettivamente delle offerte di maggior ribasso e quelle di minor ribasso, incrementata o decrementata percentualmente di un valore pari alla prima cifra, dopo la virgola, della somma dei ribassi offerti dai concorrenti ammessi. L'incremento o il decremento è stabilito in base alla prima cifra, dopo la virgola, della somma dei ribassi offerti dai concorrenti ammessi, rispettiva- mente se pari o dispari. Nel caso in cui il valore così determinato risulti inferiore all'offerta di minor ribasso ammessa, la gara è aggiudicata a quest'ultima. Per la determinazione della media, in caso di presentazione di offerte aventi identico ribasso, queste ultime sono computate una sola volta. La facoltà di esclusione automatica non è comunque esercitabile quando il numero delle offerte ammesse è inferiore a 10; in tal caso si applica l'articolo 86, comma 3, del Decreto legislativo n. 163/2006. 6-ter. Le imprese che effettuano un ribasso superiore al 25 per cento producono, nell'offerta, le relative analisi giustificative che sono valutate dalla Commissione di gara nel caso risultino aggiudicatarie in sede di verifica di congruità dell'offerta.